Nobile nettare dal Friuli – i migliori vini da gustare

L’uva: parte profonda dell’anima del Nord Est d’Italia. E anche nei più piccoli paesi è nelle osterie che si riunisce la vita locale. Nelle cantine la conoscenza dei nobili vini si conserva da moltissime generazioni.

Campagne soleggiate con ottimo vino

“Vive il vin, la compagnie”, così un anziano signore brinda felicemente dall’altra parte del tavolo. Quando gli abitanti della regione alzano i calici in onore degli ospiti, bere in compagnia diventa un rituale. Il vino è sempre stato un patrimonio culturale del Friuli, già da quando i Celti alle latitudini hanno iniziato a coltivare la vite. Circa 2000 anni fa i Romani fecero lo stesso e perfezionarono i metodi di coltivazione e sempre più spesso si possono scoprire tracce storiche a testimonianza. Bacco, il Dio del vino, probabilmente era ben intenzionato con il Friuli. La zona è uno spaccato di terreni ricchi di minerali, acqua di montagna e sole mediterraneo del sud. Soprattutto le condizioni della parte orientale del Friuli sono descritte dai viticoltori come quasi perfette. Le precipitazioni sono ideali e le temperature medie sono costantemente più alte. Inoltre, il vicino mare Adriatico, con il suo equilibrio e le correnti d’aria dolce provenienti dalla vastità del mare, ha un effetto benefico sui vini. Se mentre si cammina lungo i filari delle vigne e si fa un respiro profondo è inutibile perché l’uva friulana sia così speciale.

Dove la vite e l’uomo sono in armonia

Diventa un vero sogno quando le suggestive colline moreniche si ergono davanti agli occhi, dove le viti sono di casa. Ad esempio quella del “Tocai Friulano”, una delle varietà più coltivate. I visitatori possono degustare in grande stile i vini prodotti nelle taverne rustiche che si trovano anche in tutti i paesini. Fanno parte della routine quotidiana, sono un luogo di scambio e offrono eccellenti opportunità per entrare in contatto con gli abitanti. A proposito, tali luoghi vengono denominati “Osteria” o “Enoteca”. Naturalmente non si serve vino senza l’accompagnamento di una qualche delizia culinaria, accuratamente abbinata al divino nettare. Non c’è modo più piacevole di conoscere una regione. Anche se non vanno dimenticate le numerose cantine e le case, dove si trasmette la conoscenza da lunghe generazioni e che conservano la tradizione al meglio in ogni goccia di vino. A tal proposito va nominata “La Sclusa”, dove la famiglia Zorzetti porta in tavola vini di grande carattere che da quattro generazioni la tradizione vitivinicola friulana coltiva ed esprime in questa zona. Il nucleo storico è una cantina spaziosa che fornisce la temperatura perfetta al centro di una vasta area di coltivazione. Se volete avere un assaggio delle basi della viticoltura e della vinificazione, questo è il posto giusto per farlo. E non sottovalutate l’idea di pernottare! Svegliarsi al mattino in mezzo alle vigne non ha prezzo – atmosfera puramente magica. In generale, il Friuli, con i suoi grandi e piccoli fornitori, ha molto da offrire a chi vuole farsi un’idea del buon gusto vinicolo.

Più che Friulano

La regione del Friuli è ben più del Friulano. Gli intenditori sanno, ad esempio, che il Prosecco prende il nome da un vitigno friulano. Cresce non lontano da Trieste, vicino alla città che ha dato il nome alla regione. I piccoli viticoltori delle montagne rocciose del Carso producono vini bianchi aciduli accentuati. Sauvignon blanc, Chardonnay e Pinot Bianco appartengono ai vini di classe. E qui le degustazioni sono obbligatorie. Riesling, Renano, Traminer e Müller-Thurgau, nomi famosi che si trovano anche nei menu di molti ristoranti. Ma il Friuli è anche una regione di vini rossi? Assolutamente si! Le varietà rosse di guida sono Merlot, Pinot Nero e Refosco. Seguono da vicino Schioppettino e Pignolo, che sono i principali punti di forza della zona del Grave. Selezionati viticoltori offrono anche varietà autoctone come il Verduzzo Trevigiano e la Malvasia. Un paradiso per i sommelier e per chi vuole diventarlo. Fotos: AdobeStock_55333932, AdobeStock_100637260; AdobeStock_69336049; © La Sclusa

, , , , , , ,
Articolo precedente
Benessere a tutta birra – vacanze rilassanti a Laško
Articolo successivo
In gita tra le viti: Le meraviglie dell’autunno a Jeruzalem in Slovenia

post simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

*

Menu

Mit der Nutzung unserer Dienste erklären Sie sich damit einverstanden, dass wir Cookies verwenden. Weitere Informationen

Die Cookie-Einstellungen auf dieser Website sind auf "Cookies zulassen" eingestellt, um das beste Surferlebnis zu ermöglichen. Wenn du diese Website ohne Änderung der Cookie-Einstellungen verwendest oder auf "Akzeptieren" klickst, erklärst du sich damit einverstanden.

Schließen