Trieste e dintorni, da scoprire in e-bike

Pedalando tra Carso e mare senza temer le salite né la Bora!

Distesa sul lungo mare come una ragazza che prende il sole, Trieste è una città tutta curve e saliscendi: basta voltare le spalle al mare che la accarezza e lo sguardo corre in su, verso il Carso; ma anche in centro città le salite spuntano ripide e inaspettate: a due passi dal centro, la Cattedrale di San Giusto si fa ammirare solo da chi ha affrontato la scarpinata. O da chi sfida la salita a pedali: ed ecco che, nell’era delle E-bike, visitare Trieste e i suoi dintorni diventa decisamente più divertente!

Ora che le biciclette a pedalata assistita hanno iniziato a diffondersi, anche la città della Bora è diventata cycling-friendly (immaginate cosa voglia dire pedalare controvento qui, su una bici muscolare!) Naturalmente, i duri-ma-puri dai polpacci d’acciaio possono continuare a sfidare il Carso contando solo sulle proprie forze, magari lungo il sentiero 3 (circa 50 km di splendido tracciato adatto soltanto a chi sa affrontare single track di pietra carsica e radici): ma questo articolo è dedicato a tutti gli altri, a chi ha voglia di scoprire Trieste e l’altopiano in lungo e in largo senza preoccuparsi né della fatica, né del tempo a disposizione. Con le e-bike e gli itinerari giusti, il turista in bicicletta potrà visitare i quattro castelli – Duino, Miramare, San Giusto e Muggia; addentrarsi nella Val Rosandra, lungo il tracciato della vecchia ferrovia; o raggiungere la grotta Gigante e scoprire le prelibatezze enogastronomiche facendo tappa tra osmizze, agriturismi e cantine. Ci sono anche i tour Bike & Wine che includono degustazioni dei vini autoctoni, come il rosso Terrano e la bianca Vitovska del Carso, per accompagnare un piatto di salumi e formaggi rigorosamente caserecci.

Ma andiamo avanti un colpo di pedale alla volta. Per iniziare bene una gita in bicicletta, è importante scegliere quella giusta: per pedalare in centro van benissimo le city bike, magari quelle del servizio BITS, il bike sharing del comune di Trieste che mette a disposizione sia biciclette classiche che a pedalata assistita. Si possono prendere in una stazione e riconsegnare in un’altra, e il pagamento avviene tramite la app dedicata Bicincittà. Per avere maggiori informazioni, è disponibile il call center al numero +39 011 01 42 607 oppure si può contattare il servizio tramite whatsapp (+39 348 510 32 40) o scrivere una mail (info@bicincitta.com). Nella zona del centro, ci sono anche un paio di noleggi privati che offrono e-bike e talvolta propongono visite guidate, da prenotare in anticipo. Scelta la bici e saliti in sella, potrete pedalare lungomare e, passando attraverso il Porto Vecchio, raggiungere prima la pineta di Barcola e poi il famoso castello di Massimiliano e Carlotta; oppure potrete pedalare per le vie del centro, seguendo le (purtroppo ancora poche) linee ciclabili: come detto, merita salire fino a San Giusto, il colle della Cattedrale da cui si può godere di una bella vista sulla città.

Chi invece desidera fare una scampagnata alla scoperta dei dintorni, può scegliere tra i sentieri del Carso e la lunga ciclabile della Val Rosandra: anche in questo caso, fondamentale è avere il mezzo più adatto. Per pedalare lungo la ciclabile che segue la linea della ex ferrovia Trieste – Erpelle è sufficiente una MTB, visto che il sentiero è sterrato ma ampio e senza ostacoli: si tratta dell’unica vera pista ciclabile di Trieste ed è un bellissimo percorso panoramico che parte dal centro città (precisamente da via Orlandini nel quartiere di San Giacomo) e porta fino all’Alta val Rosandra, alla frazione di Draga Sant’Elia, con una salita leggera ma costante e una pendenza media del 25%: l’elettrica, quindi, è sempre consigliata.

Per attraversare il Carso rurale invece si suggerisce una e-MTB biammortizzata: i sentieri sono splendidamente variabili, in certi tratti sassosi e ben immersi nella vegetazione. Uno di questi, il più praticabile in autonomia, è il Gemina, del quale si può trovare online tutta la traccia da seguire (Percorsi in Provincia di Trieste (percorsiprovinciats.it): ci sono poi moltissimi altri sentierini da scoprire, alcuni dei quali raccolti nel portale Cicloturismo in Friuli Venezia Giulia (turismofvg.it).

Il Carso e Trieste su misura: bike tour-guide & on demand

Chi volesse addentrarsi nel Carso più autentico senza il rischio di perdersi o semplicemente senza perdere l’occasione di visitare qualche luogo speciale, può optare per i tour guidati. Per scoprire i gioielli nascosti del Carso (come le grotte-rifugio della Prima Guerra Mondiale, le vedette quasi nascoste che a sorpresa aprono la vista sul Golfo e qualche prelibatezza come il miglior strudel carsolino…) contattate Chiara Meriani (+39 3428268303, Theladybike): giornalista triestina e ciclo guida, condivide volentieri la sua passione per le due ruote e per la terra natìa, anche organizzando gite in e-bike.

Fotos: © PROMOTURISMO FVG / Anja Cop; © Chiara Meriani

, , , , ,
Articolo precedente
Carinzia: Paradiso turistico invernale: Divertimento nella neve
Articolo successivo
La fioritura nel Collio Goriziano

Ähnliche Beiträge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Mit der Nutzung unserer Dienste erklären Sie sich damit einverstanden, dass wir Cookies verwenden. Weitere Informationen

Die Cookie-Einstellungen auf dieser Website sind auf "Cookies zulassen" eingestellt, um das beste Surferlebnis zu ermöglichen. Wenn du diese Website ohne Änderung der Cookie-Einstellungen verwendest oder auf "Akzeptieren" klickst, erklärst du sich damit einverstanden.

Schließen